Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Non’

Non Me Lo So Spiegare: la foto che ritrae il significato della canzone con Tiziano

Non me lo so spiegare è un brano musicale del cantante italiano Tiziano Ferro. È il terzo singolo estratto il 13 Febbraio 2004 dall’album ‘111 centoundici‘ del 2003.

Il brano:  la canzone viene tradotta in lingua spagnola con il titolo No me lo puedo explicar ed inserita nell’album ‘111 Ciento Once‘. In Italia non viene pubblicato il CD sindolo del brano. Ferro dichiara che il brano Non me lo so spiegare era già pronto ai tempi dell’uscita del CD ‘Rosso Relativo’, ma tuttavia non è stato inserito nel disco. Secondo indiscrezioni la casa discografica ha preferito questa scelta: se il disco Rosso relativo non fosse andato bene, la casa discografica avrebbe presentato Tiziano al “Festival di Sanremo” con Non me lo so spiegare. Diversamente se tale brano fosse stato inserito nell’album il regolamento del Festival avrebbe impedito la partecipazione a Sanremo con quel brano. Il cantante esegue questa canzone in estate al “Festivalbar” 2004 (anche se partecipa con Ti Voglio Bene). Nel 2006 esce una cover del brano cantata da Laura Pausini in duetto con Tiziano, contenuta nell’album della Pausini ‘Io Canto‘.

Il video:  in lingua italiana e in lingua spagnola è stato diretto da Paolo Monico e girato a Lissone il 29 Gennaio 2004. Tiziano canta il brano vicino ad un’automobile. Poi la telecamera comincia a ruotare lentamente intorno all’auto, mostrando all’interno ogni volta una situazione diversa: vediamo dapprima Ferro con una ragazza, poi con un amico, poi quattro amici e cosi via. La situazione che si può carpire dalle immagini del video è più o meno la stessa di quella del testo della canzone, ovvero la malinconia di un amore finito. Nel 2005 il videoclipdi No me lo puedo explicar viene inserito nell’album ‘111 ciento once’ Limited Edition CD+DVD pubblicato in Messico.

Cover: nel 2006 la cantante italiana Laura Pausini realizza una cover in duetto con il cantante Tiziano Ferro di Non me lo so spiegare!

Non Me Lo So Spiegare: la foto ufficiale con Tiziano e Laura

Il brano: è il terzo singolo estratto il 23 Marzo 2007 dall’album ‘Io Canto’ del 2006. La canzone viene tradotta in lingua spagnola con il titolo No me lo puedo explicar inserita nell’album ‘Yo Canto‘ ed estratta come terzo singolo in Spagna e in America Latina. Sono presenti anche i brani in lingua italiana e in lingua spagnola in versione solista di Laura per chi scarica l’album da iTunes. Rispetto alla versione originale di Tiziano,  questa nuova versione di Non me lo so spiegare è cantata più lentamente, è abbassata di tonalità, ed è dotata di un arrangiamento più drammatico. I 2 brani vengono trasmessi in radio; vengono realizzati i 2 videoclip.

Il video: in lingua italiana e in lingua spagnola è stato diretto dal regista Gaetano Morbioli e girato a marzo 2007e riprende in buona parte lo spirito del video originale di Non me lo so spiegare. È di nuovo presente l’automobile, intorno alla quale si muovono i due cantanti, stavolta parcheggiata nel deserto. Le sequenze che nell’originale erano ambientate all’interno della vettura, in questa nuova versione del video, vedono i due cantanti ad una stazione di servizio semi-abbandonata, o alternativamente in scene in interno. I due artisti si raccontano attraverso un affascinante e a tratti surreale viaggio durante il quale vivono le emozioni e le sensazioni di due amici che intraprendono insieme una nuova avventura: risate, scherzi, confidenze, litigi. Sono due veri amici che attraversano paesaggi e suggestioni con la naturalezza e il feeling che li contraddistinguono nella vita reale. Viene realizzato anche il Making of the video di Non me lo so spiegare che non viene pubblicato su nessun supporto audio-video, ma solo sul canale ufficiale di Laura Pausini su YouTube.

Testo della canzone: Un po’ mi manca l’aria che tirava 
O semplicemente la tua bianca schiena.. nananana 
E quell’orologio non girava 
Stava fermo sempre da mattina a sera. 
come me lui ti fissava 
Io non piango mai per te 
Non farò niente di simile.. nononono 
Si, lo ammetto, un po’ ti penso 
Ma mi scanso 
Non mi tocchi più 

Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare 
E credere di stare bene quando è inverno e te 
Togli le tue mani calde 
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, 
mi ricordi che rivivo in tante cose.. nananana 
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale 
Che anche se non valgo niente perlomeno a te 
Ti permetto di sognare 
E se hai voglia, di lasciarti camminare 
Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare 
Ma vuoi dirmi come questo può finire? 
Non melo so spiegare 
Io no me lo so spiegare 

La notte fonda e la luna piena 
Ci offrivano da dono solo l’atmosfera 
Ma l’amavo e l’amo ancora 
Ogni dettaglio è aria che mi manca 
E se sto così.. sarà la primavera.. 
Ma non regge più la scusa.. 

Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare 
E credere di stare bene quando è inverno e te 
Togli le tue mani calde 
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, 
mi ricordi che rivivo in tante cose.. nananana 
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale 
Che anche se non valgo niente perlomeno a te 
Ti permetto di sognare.. 
Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare 
E credere di stare bene quando è inverno e te 
Togli le tue mani calde 
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande, 
mi ricordi che rivivo in tante cose.. nananana 
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale 
Che anche se non valgo niente perlomeno a te 
Ti permetto di sognare 
E se hai voglia, di lasciarti camminare 
Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare 
Ma vuoi dirmi come questo può finire?

Annunci

Read Full Post »

Le Cose Che Non Dici: la foto ufficiale del video con Tiziano

Le cose che non dici è una canzone del cantante Tiziano Ferro. È il quinto ed ultimo singolo discografico estratto dall’album ‘Rosso Relativo‘ del 2001.

Il brano: La canzone viene tradotta in lingua spagnola con il titolo Las cosas que no dicesLa canzone arriva alla trentacinquesima posizione al suo massimo. Il testo anche ad una lettura superficiale è pieno di rimandi alla omosessualità, al cercare rimedi in comunità virtuali online, al fare e quasi decidersi a parlare ma poi tirarsi indietro. Essa è una canzone simbolo della condizione in cui si trovano tutti i giovani omosessuali ad un certo punto della propria non facile adolescenza.

Il video: il video del singolo è ambientato in un castello moderno dove in una stanza Tiziano segue una coreografia insieme ad un corpo di ballo.

Testo della canzone: Vorrei solo più silenzio ma (ma) 
In quello che io faccio non (non) 
Si può è buio pesto qua (ma) 
Dormi e quindi niente 
Mi dico “fai più presto” ma (ma) 
Il rimorso è incandescente qua (qua) 
Vado controvento o resisto non lo so 
E gioco a piedi nudi sul fuoco 
E forse un altro assaggio qua (qua) 
Potrebbe anche piacermi 
Ma investo e non guadagno 
E dopo 
Bendato cado nel vuoto 
A picco a testa in giù e poi 
Sta quasi per piacermi 
Mi perdo naufragando 
Nelle 

Cose che non dici 
Quelle che la notte 
Un po’ te ne vergogni 
Nascoste ma le fai 
E ne parli con gli amici (ma, ma) 
Rimangi tutto a volte 
Porti le cicatrici 
Ma nessuno le vedrà 

Ci pensi e non lo ammetti ma (ma) 
Arriva e corre forte qua (il) 
Mio cervello svalvola 
E’ malato o chi lo sa 
E provi col vangelo ad asciugare le tue colpe che (che) 
Neanche il fazzoletto che usi sempre assorbirà (più) 
E gioco a piedi nudi sul fuoco 
E forse un altro assaggio qua (qua) 
Potrebbe anche piacermi 
Ma investo e non guadagno 
E dopo 
Bendato cado nel vuoto 
A picco a testa in giù e poi 
Sta quasi per piacermi 
Mi perdo naufragando 
Nelle 

Cose che non dici 
Quelle che la notte 
Un po’ te ne vergogni 
Nascoste ma le fai 
E ne parli con gli amici (ma, ma) 
Rimangi tutto a volte 
Porti le cicatrici 
Ma nessuno le vedrà  

E apri pacchi d’affetto 
Mandandoli giù d’un botto 
Cerchi un Purgatorio virtuale 
Al tuo non riuscire ad amare 
Riavvolgi il tuo Dio dell’amare 
Per cui tu continui a pregare 
Nel buio più angusto e più stretto 
Di ciò che non hai mai detto 
E calano le ombre e puoi scoprire 
Ogni difetto che (che) 
Gelosamente nel tuo limbo tu 
Nasconderai 
Celerai 
Coprirai 
Ingoierai 
Sputerai 
Scalderai 
Toccherai 
In padella scorderai 
Infilerai 
Sfilerai 
Sbatterai oppure no 
Guarderai 
Lo saprai 
Nasconderai o 
Non lo so 
Nelle 

Cose che non dici 
Quelle che la notte 
Un po’ te ne vergogni 
Nascoste ma le fai 
E ne parli con gli amici (ma, ma) 
Rimangi tutto a volte 
Porti le cicatrici 
Ma nessuno le vedrà 

Read Full Post »